LA REALE DATAZIONE DELLE PIRAMIDI DI GIZA Pt.2

 

Se parliamo delle Piramidi della piana di Giza non possiamo non parlare della Sfinge.

Stimare l'età della Sfinge però risulta essere un po’ più semplice rispetto a quella delle piramidi. In linea generale, una datazione pressoché precisa può essere fatta con una misurazione del radiocarbonio su materie organiche, ma in presenza di roccia naturalmente tale misurazione non può essere effettuata.

Quindi un'alternativa è quella di considerare il grado di erosione dei megaliti. Principalmente, esistono due tipi di erosione, quella provocata dal vento e quella provocata dall’acqua. Il vento, sollevando i granelli di sabbia, agisce sulla superficie levigandola, un po' come la carta vetrata, e con il passare dei secoli rende sempre più visibile la stratificazione della roccia evidenziando gli strati morbidi da quelli più duri. 

erosione su sfinge01

L’erosione provocata dall’acqua invece agisce “consumando” la roccia, man mano che migliaia di litri cadono sulla sua superficie. Naturalmente, cadendo dall’alto, e dopo un lungo periodo, l’acqua crea dei rivoli che scavando anno dopo anno, creano dei canali in cui l’acqua confluisce modellando la roccia smussandola dall'alto verso il basso.

erosione su sfinge02

Ora, è del tutto logico che sulla superficie della Sfinge ci sia il primo tipo di erosione:

erosione vento

ma viene da chiedersi come mai è presente anche il secondo? Ossia l’erosione provocata dall’acqua!

erosione acqua

Gli studiosi sono tutti concordi nel confermare che sul finire dell’ultima glaciazione, quindi tra i 12.500 e i 10.000 anni fa, è seguito un periodo di precipitazioni di notevole intensità in Egitto, e il periodo di 12.500 anni fa, combacia perfettamente con l’allineamento della costellazione di Orione che si trovava proprio sopra le tre piramidi della piana di Giza di cui ho parlato nella prima parte di questo articolo.

Curioso vero?

Un'altra alternativa alla datazione col radiocarbonio, che si può applicare al sito in questione, è l'orientamento rispetto alla volta celeste. Ma per capire questo punto dobbiamo parlare della precessione degli equinozi.
La precessione è un movimento della terra che fa cambiare in modo lento ma continuo l'orientamento del suo asse di rotazione rispetto alla sfera ideale delle stelle fisse. L'asse terrestre subisce una precessione simile a quella di una trottola a causa della combinazione di due fattori: la forma non perfettamente sferica della terra e le forze gravitazionali della luna e del sole che agiscono cercando di allineare l'asse della terra con l'eclittica.

precessione


Il giro completo di precessione è di circa 25.800 anni, detto anche anno platonico, durante il quale la posizione delle stelle sulla sfera celeste cambia lentamente. La precessione non è perfettamente regolare perché la luna e il sole non si trovano sempre nello stesso punto, in più questa forza influisce anche il moto di nutazione.
La terra, durante tale rivoluzone perde 1 grado di rotazione ogni 71 anni circa. Ciò ci fa comprendere quindi che anche la posizione dei poli celesti cambia costantemente.
Quindi, tra circa 13.000 anni sarà Vega, e non l'attuale Polaris, chiamata anche Stella Polare, a indicare il polo nord sulla sfera celeste.


Va da sé che 12.500 anni fa il cielo appariva in modo completamente differente a ciò che vediamo ora, e la disposizione e l'orientamento dei megaliti sulla piana di Giza rispecchiano tale periodo. La Sfinge ad esempio, (megalito con il corpo da leone) rivolta verso est, vedeva sorgere ogni giorno la costellazione del Leone.
Abbiamo quindi anticipato incontrovertibilmente la costruzione dei megaliti sulla piana di Giza di almeno 8.000 anni rispetto a ciò che ci viene raccontato a scuola.
Bisognerà attendere altri 13.000 anni circa per rivedere lo stesso cielo che vedevano gli Egizi in quel periodo.


Proseguendo con lo stesso calcolo a ritroso nel tempo, dopo un'altro anno platonico, lo stesso cielo appariva sopra l’Egitto attorno al 40.000 aC.
E i megaliti della piana di Giza esistevano forse già?......


Il © copyright delle immagini è dei rispettivi proprietari.

 

 

 

 

 

Powered by Bullraider.com

Informazioni aggiuntive